top of page

Carenza di sonno: come scoprire se sei in debito di sonno



Carenza di sonno

Il sonno è essenziale per rinfrescare la mente, migliorare la memoria e sviluppare la creatività. È inoltre fondamentale per il benessere, sia mentale che fisico.


Ma sei sicuro di dormire abbastanza? Secondo il Ministero della Salute gli adulti dovrebbero dormire almeno 7-9 ore al giorno.


Tuttavia, la maggior parte delle persone fatica raggiungere questo obiettivo. Le statistiche affermano infatti che sono 8 le ore che gli italiani trascorrono a letto. Se consideriamo però il tempo impiegato a guardare la televisione, leggere un libro oppure stare allo smartphone, ci accorgiamo subito che le ore di sonno effettive sono al di sotto della media raccomandata.


Molto probabilmente se stai leggendo questo articolo significa che anche a te capita spesso di dormire poco o comunque meno del necessario. La mancanza di sonno, nel breve termine, non arreca particolari conseguenze. Potresti invece avvertire una sensazione di malessere costante se protrai per lungo tempo questa condizione.

 

Indice

 

Cosa succede se dormo poco

Dormire poco provoca difficoltà di apprendimento e memoria.

Il nostro cervello utilizza il sonno per recuperare energie preziose da utilizzare durante tutta la giornata. Se non diamo il tempo necessario per rigenerarsi al meglio si avrà meno freschezza mentale. In questo stato, rimanere concentrati, apprendere nuove competenze ed essere lucidi è molto più complicato.


Inoltre, la privazione del sonno causa l’aumento del peso corporeo in seguito all’alterazione dell’equilibrio tra l’ormone della fame e quello della sazietà. In pratica, quando dormiamo poco si tende ad avere più fame e, di conseguenza, a mangiare di più.


La mancanza di sonno provoca anche mal di testa e raffreddore. Quando si è meno riposati le difese immunitarie dell’organismo si abbassano e il corpo diventa meno forte e resistente.


Infine, dormire 5-6 ore a notte peggiora l’umore rendendoci più stressati, irritabili e tristi. Le azioni quotidiane che normalmente risultano facili e gestibili si trasformano in imprese alquanto faticose. In questi momenti è comprensibile risultare non troppo simpatici come si è di solito.


Queste conseguenze si verificano comunque in casi di privazione del sonno grave e/o prolungata. Non ti preoccupare se ti capita qualche volta di fare tardi la sera e dormire meno del dovuto. Il giorno dopo ti sentirai meno carico di energie, ma comunque rimarrai in buona salute.

Intervieni subito invece quando ti accorgi che le ore piccole sono molto più frequenti del dovuto.


Come scoprire se dormo poco: Il test del cucchiaio

Come scoprire se stai dormendo abbastanza? Tra i tanti test che si possono fare per scoprire se stiamo dormendo abbastanza, il test del cucchiaio è senza dubbio il più facile e immediato.

Il test del cucchiaio serve per vedere quanto tempo impieghi ad addormentarti durante le ore del giorno. L’obiettivo è quello di verificare infatti il livello di sonnolenza diurna (capacità di addormentarsi nelle ore del giorno) per riuscire a comprendere se stai dormendo a sufficienza durante la notte. Ad esempio, se ti addormenti davanti alla TV subito dopo aver fatto pranzo significa che sei in debito di sonno.

Puoi eseguire il test in qualsiasi momento e ti basterà munirti soltanto di un cucchiaio e di un vassoio di metallo.


Come fare il test del cucchiaio

Il test per scoprire se si è in debito di sonno è molto semplice. Ti basterà usare un cucchiaino e un vassoio di metallo.

Ecco i passi:

  1. In un giorno della settimana che preferisci, salta il tuo solito caffè mattutino. Poi, una mezz’ora dopo pranzo, vai in camera tua con un cucchiaio di metallo e un vassoio di metallo.

  2. Spegni le luci, chiudi le tende e cerca di creare le migliori condizioni per addormentarti. Posiziona il ​​vassoio di metallo sul pavimento vicino al letto e sdraiati delicatamente, mantenendo il cucchiaino in mano posizionato in direzione del contenitore in metallo.

  3. Accendi il cronometro dal tuo cellulare o dalla sveglia (ricorda di tenere afferrato sempre il cucchiaino).

  4. Chiudi gli occhi fino a che non ti addormenti. Una volta addormentato la tua mano lascerà la presa del cucchiaino che cadrà nella pentola. Questo causerà un rumore intenso interrompendo il tuo sonno.

  5. Appena questo accade, metti in pausa il cronometro e segna su carta o sulle note del tuo smartphone i minuti trascorsi.

I minuti trascorsi ti aiutano a scoprire se stai dormendo poco:


  • Se sono passati massimo 5 minuti, significa che ti addormenti troppo velocemente e hai un problema di sonno serio;

  • Se sono passati massimo 10 minuti, significa che ti addormenti ancora abbastanza velocemente. Hai un problema di sonno moderato;

  • Se sono passati massimo 15 minuti, significa che ti addormenti nel modo corretto nonostante sia possibile fare di meglio. Non hai problemi di sonno;

  • Se sono passati oltre 15 minuti, significa che sei in ottima salute.

Questi risultati sono validi soltanto se il test viene eseguito durante il giorno e non nelle ore notturne. Di notte è perfettamente normale addormentarsi più velocemente.


Conclusioni

Il test del cucchiaino ti permette di comprendere subito se stai dormendo la giusta quantità di ore. Se ti accorgi di avere una carenza del sonno, sarai in grado di intervenire subito per migliorare il tuo sonno e affrontare le giornate con energia e concentrazione.

Se vuoi scoprire quali sono i benefici di un sonno corretto e come dormire bene clicca su questo link.



Comments


Hai bisogno di aiuto?
Spiegaci subito il tuo problema nel box qui sotto

La tua richiesta è stata inviata

bottom of page